Luglio 2024


Che senso avrebbe vendere Nico?

Dal punto di vista tecnico nessuno, è il miglior giocatore della Fiorentina, ha vinto due volte la Coppa America e avrebbe pure conquistato il Mondiale se non si fosse infortunato, la differenza con gli altri è quasi imbarazzante

Discontinuo? Sì, ma il tanto celebrato Leao che stagione ha fatto? Chi prensiamo al suo posto avendo già gente fortissima come Sottil, Ikone, Kouame? Callejon gioca ancora?

Ci dobbiamo rinforzare e dopo aver rinunciato a due centrocampisti molto tecnici come Bonaventura e Castrovilli perdiamo il miglior talento?

Non discuto sullo scambio in difesa tra Pogracic e Milenkovic perché credo e spero che sia stata una scelta tecnica, certamente corroborata dal risparmio sull’ingaggio, ma immagino si volesse cambiare qualcosa dopo una stagione pessima del serbo

Ma Nico? Se va via, allora comincio a preoccuparmi davvero, fermo restando che i dubbi sulla costruzione della nuova Fiorentina restano tutti, specialmente in attacco, ma magari Kean mi smentirà clamorosamente

C’è il Viola Park, che è strepitoso, e ci sono decine di migliaia di tifosi che non aspettano altro che vedere la Fiorentina, magari con qualche contatto con i propri beniamini: si potrebbero unire queste due verità oggettive?

Perché, se da un lato mi pare eccessivo questo pessimismo cosmico che si respira in giro, dall’altro mi piacerebbe che ci fosse un’inversione di tendenza, anche rispetto alle insane abitudini del calcio italiano

Il calcio è dei tifosi, noi siamo il contorno e la squadra il piatto forte, che va gustato dal vivo per continuare ad amarlo ed invece negli ultimi vent’anni si è fatto tutto il contrario

Gli allenamenti aperti almeno due volte alla settimana, Palladino permettendo, e vedrete che qualcosa succede nell’umore generale

Estate 2007, La Nazione mi chiede di intervistare Barzagli che sta per arrivare a Firenze

Recupero il numero e va in scena qualcosa di incredibile: lui è diventato Campione del Mondo un anno prima e non vuole credere che sia io al telefono, pensa ad uno scherzo perché fin da quando era bambino ascoltava tutte le mie radiocronache tifando moltissimo Fiorentina

Poi arriva il Wolfsburg, gli offre il triplo e lui va in Germania facendo infuriare Corvino, dopo di che si trasferisce alla Juve, dove vince moltissimo e adesso si parla di lui come possibile allenatore delle giovanili viola

Tutta la famiglia Barzagli tifa Fiorentina, l’ultima volta che ho visto uno di loro è stato nel dicembre 2012, al capezzale di Mario Ciuffi per una dolorosa coincidenza ospedaliera e parlammo a lungo della situazione della squadra di Montella

Può darsi che venga, oppure no, ma per favore evitiamo di dire sciocchezze

Questione di feeling, che non è mai scattato davvero, perché il calcio è molta emozione e ben poca razionalità

E’ passato poco più di un mese dal divorzio tra la Fiorentina e Italiano e non si avverte nessuna mancanza particolare, come se questi ultimi tre anni, con altrettante finali perse, siano passati come acqua fresca nel cuore dei tifosi viola

Viene in mente Terim, grande istrione, che lasciò una Fiorentina in piena caduta libera, anche se in finale di Coppa Italia, poi vinta da Mancini: nell’immaginario di tanti è ancora ricordato con un sospiro di rimpianto, eppure quando abbandonò la nave di Cecchi Gori, perché si era già accordato col Milan, aveva perso tre gare di seguito e pareggiato in casa col Brescia

Italiano non ha mai capito Firenze e si potrebbe dire tranquillamente anche il contrario, ma l’onere della prova, spiace dirlo, è sempre sulle spalle di chi viene ad allenare da queste parti diventando così la seconda persona più importante della città dopo il sindaco, salvo superandolo in certi particolari frangenti

Prandelli, ad esempio, lo ha compreso benissimo, Montella molto meno, Italiano per niente