Vediamo che omelette viene fuori, certo è che a Sousa sono state date delle uova di dubbia provenienza.
Ci sono molte scommesse, alcune pure intriganti, come quella dell’esterno polacco dal nome non facilissimo, ma sempre scommesse restano.
le scommesse si possono vincere e si possono perdere, io avrei sperato in qualcosa di più affidabile, soprattutto per la difesa, dove siamo molto tristemente all’anno scorso con Astori al posto di Savic e non mi pare sinceramente un gran guadagno.
Alla fine ADV non ha staccato il famoso “assegnino”, poi qualcuno sarà più preciso, ma così a spanne mi pare che si sia fatto pari o giù di lì: non è detto che la proprietà ogni anno debba versare l’obolo, ma da appassionato della Fiorentina sono deluso perché mi aspettavo di meglio.
E’ stata un’estate molto difficile, che la Fiorentina si è complicata da sola con uscite e non uscite mediatiche poco felici, ma alla fine contano i fatti.
E questa squadra farà, temo, molta fatica a ripetere i risultati di quella della passata stagione

Devo ancora moderare gli oltre 100 commenti arrivati dopo la partita, ma me li immagino…
Per un’ora l’ottimismo del post precedente era più che giustificato, sembrava che in campo ci fosse una sola squadra, la Fiorentina.
Poi ci siamo squagliati nel caldo di Torino senza una sola giustificazione plausibile, perché loro non è che avessero alzato troppo il ritmo.
Penso che con Joaquin al posto di Gilberto avremmo potuto chiudere la partita nel primo tempo e trovo la situazione dello spagnolo assurda, ma questo è solo un piccolo appiglio.
Il resto lo deve trovare Sousa, che non era un genio prima e non è un fallito ora: doveva cambiare Alonso (da multare per l’idiozia pro Joaquin e anti gemellaggio post gol) e accorgersi che stavamo finendo la benzina, ma ci sarà pure del merito se per sessanta minuti il Toro non l’ha mai vista.
Attendiamo con scetticismo notizie da ora alle 23: un difensore, dando per buono (speriamo) Verdu non è necessario, ma come avrebbe detto il grande Mario, indispensabile.

Io ragazzi non vi capisco ho letto commenti di gente che pure stimo e che si preoccupa astiosamente perché Baez ancora non è arrivato.
O perché abbiamo preso Verdu, che certamente è una pippa, che sicuramente non servirà a niente, mentre Joaquin per alcuni fa bene a strepitare perché tanto “la Fiorentina è una squadra senza società”.
Mi si può accusare di molte cose, per esempio prendere fittonate, arrabbiarmi troppo con chi mi critica, una certa visione “guettocentrica” dell’universo radiofonico, ma non penso proprio di aver evitato critiche alla società.
Fatta questa premessa, a me dovete spiegare perché dopo una vittoria squillante come quella contro il Milan, e dopo i successi internazionali estivi, si debba passare la settimana che abbiamo passato, con questo nervosismo e questo livore.
Ma andiamo a Torino ottimisti, accidenti.
E’ una festa, stiamo giocando bene, c’è il gemellaggio, magari stasera alle 23 siamo pure in testa al campionato (sì, lo so toccatevi, fate bene).
Rilassatevi per favore e se non lo volete fare peggio per voi, non sapete quel che perdete.

Bella la conferma di quanto promesso in estate: venerdì allenamenti a porte aperte e finalmente i tifosi potranno abbracciare la squadra.
Sono gesti importanti, che danno un valore aggiunto all’ambiente e magari serviranno anche per smorzare le polemiche.
Sousa ha in questo senso un passo diverso da Montella, che avrà avuto certamente le sue buone ragioni a creare le barriere intorno alla Fiorentina, ma che ha comunque creato un distacco incomprensibile tra i tifosi e la squadra.
Vediamo se è qualcosa di occasionale oppure se ci sarà un seguito sistematico alla decisione di questa settimana, resta il fatto che quanto annunciato a luglio è stato poi realizzato.
E siccome siamo per definizione scettici e malfidati, la notizia va accolta con un sorriso largo così.

CI STA COL TITOLO DEL POST: COME AVEVAMO PROMESSO NELLA ZONA DI PONTASSIEVE E DINTORNI POTETE ASCOLTARE RADIO BRUNO SUGLI F.M. 88.4
E TRA POCO CI SARANNO ALTRE NOVITA’ INTERESSANTI!

Quanto sbagliamo, quanto sbaglio nella loro educazione?
Me lo chiedo ogni volta che un pensiero, una decisone, mi porta come un riflesso condizionato a pensare al rovescio della medaglia: se avessi fatto nell’altro modo, forse sarebbe stato meglio e lui/lei avrebbe avuto quei vantaggi (e ovviamente degli svantaggi, ma quelli nella testa arrivano dopo).
Ho capito con un bel po’ di ritardo che educare i figli è un vero e proprio “lavoro”, nel senso che non puoi affidarti solo all’istinto e all’amore che ti scoppia dentro e che poi, almeno nel mio caso, declini quasi sempre nella tenerezza.
No, bisogna metterci la testa.
Non farsi travolgere emotivamente, perché i figli ti chiedono dei no, anche se non te lo dicono esplicitamente, anche se si incazzano di brutto quando li contraddici o metti dei divieti.
Vanno al muro contro muro, ma alla fine vogliono un genitore sopra di loro, non un loro pari, un amico con cui solo scherzare o, peggio ancora, confidarsi reciprocamente i segreti.
L’altro aspetto fondamentale è l’esempio: tu puoi raccontare loro ciò che vuoi, farti bello con le parole, ma se la tua vita trasuda di falsità, di disonestà intellettuale o materiale, se ti sei comportato come mai vorresti che i tuoi figli si comportassero, puoi essere certo di esserti giocato per sempre la loro stima.
L’amore no, è un’altra cosa, è fisiologico e dura: non si spiegherebbe altrimenti l’attaccamento di tanti figli a genitori che non meriterebbero niente per quello che hanno fatto e che invece sono cercati lo stesso.
E’ durissima, una battaglia che almeno personalmente vivo con grande dispendio di energie e con molti conflitti interiori, ma è anche la cosa migliore che ti poteva capitare da quando sei nato.

E se fosse stato Ilicic, quello dell’anno scorso, o Cerci qualche stagione fa ad imbastire tutto questo casino?
Sinceramente mi sarei già divertito nel sentire mischiare in un guazzabuglio senza arte né parte quattrini e richiami del cuore.
La Fiorentina non capisce i sussulti dell’anima di Joaquin?
Povera stella, ma si sta parlando di 125.000 euro netti al mese o di chi si deve preparare alla recita di Pasqua?
Nel secondo caso non vedrei male Macia nella parte di Ponzio Pilato: lui se ne lava le mani, che si arrangi il giocatore a venire via gratis o quasi dalla Fiorentina.
Mi ricorda, al contrario, la storia di Baggio: “ma che ve lo devo scrivere sui muri che non voglio andare via, tantomeno alla Juve?”.
No Robertino, bastava non mettere la firma sul contratto ed eravamo tutti molto più felici.
Allo stesso modo Joaquin ci implora: “ma che ve lo devo dire su internet (Firenze viola, bravissima!) che a Siviglia sarei molto più felice che da voi?”.
Bene caro, ora che ce l’hai fatto sommessamente capire vai da Macia, ti fai firmare un assegnino di almeno 3 milioni di euro, torni dalle parti dello stadio a prenderti la tua borsa e te ne vai pure velocemente, dopo aver dilapidato quel carico di simpatia che avevi costruito in questi anni.

Io non me la ricordo una partenza così della Fiorentina, contro un avversario di questo livello.
Da stropicciarsi gli occhi, da mettere i pesi stamani per poi non farsi male se e quando si dovesse atterrare.
Una partita perfetta, in cui ci siamo anche presi il lusso di sbagliare due gol davanti al portiere, esercizio di sado-masochismo calcistico che mi piacerebbe non venisse ripetuto troppo spesso.
Non beatifichiamo Sousa (non dimentico di essere stato tra gli scettici al momento dell’annuncio), però era una Fiorentina diversa, più cattiva e concreta: se dura ci divertiremo certamente.
Se poi pensiamo che dalla formazione iniziale erano esclusi per svariati motivi Rossi, Suarez, Joaquin e Babacar, mi viene il fondato sospetto che con un difensore ed un centrocampista importanti (e sempre nell’ipotesi che Pepito giochi almeno la metà delle partite) si possa puntare parecchio in alto.

Dai, che comincia il campionato ed è sempre una festa.
Sarà perché ho la nausea per certe mie vicende del passato, sarà perché ho finalmente imparato a guardare avanti (ed avere tre figli aiuta moltissimo…), fatto sta che con il prossimo inizio delle partite vere sto ritrovando sensazioni quasi fanciullesche.
Certo, se giocassero tutti alla stessa ora la domenica pomeriggio sarebbe una gran cosa, ma questi sono discorsi da nostalgico del calcio che fu, e poi non è affatto male mettermi con Cosimo a vedere qualche bell’anticipo.
E’ cambiato molto anche nella Fiorentina ed il nuovo allenatore si è speso con intelligenza per far capire che un’altra vita senza Montella era possibile e non è neanche detto che sia peggiore della precedente.
La mia più grande speranza è che Pepito giochi almeno la metà delle gare: se questo avvenisse potremmo pure stazionare in zona terzo/quinto posto anche senza (per ora) assegnino di ADV per rinforzi che mi parrebbero necessari.
Il più grande acquisto della Fiorentina è lui, Rossi: tre sue giocate e torna pure l’entusiasmo tra i più scettici.

Non ho capito perché dovremmo vendere Joaquin.
Per un fatto economico?
Ti immagini quanto potremmo ricavare dalla sua cessione, a 34 anni?
Per fare un piacere a lui?
Perché non vuole rinnovare per un solo anno o due e vuole un triennale come gli ha offerto il Betis?
E allora?
Se davvero non vuole rinnovare, gli facciamo concludere la sua esperienza in viola e lo salutiamo con simpatia, la stessa che lui ha dimostrato in queste stagioni fiorentine.
No, scusate, io proprio non ci arrivo, ma sono umilmente pronto ad ascoltare chi me lo spiega, magari con dovizia di particolari.

Naturalmente stavo parlando dell’Iphone 6…

Pagina successiva »