Il calcio è gioia, l’inizio di un campionato ancora di più perché si porta dietro l’attesa dell’estate, le illusioni e le passioni sopite di chi ama questo sport.

Come si fa a giocare a Genova tra quattro giorni con il senso della tragedia che ci accompagnerà ancora a lungo?

Non è una questione di ordine pubblico, ma di rispetto e buon senso: Sampdoria-Fiorentina deve essere rimandata.

Stavolta  la scommessa è doppia: oltre a quella con Chiesa che si ripete e che avrà una sua storia a sé stante, ora chi vuole fa un testa a testa con me.

Scommettiamo che facciamo più punti dell’anno scorso?

Chi vuole si iscriva qui sotto.

Se perdo, regalo una t shirt della radio preparata dal mio amico Daniele Scartabelli.

Se vinco, fate una donazione alla Fondazione Tommasino Bacciotti, con complimenti a Paolo che è appena diventato Cavaliere della Repubblica.

Chi ci sta?

Quando ho iniziato questo blog, ero in un’altra radio, avevo un’altra moglie e “solo” due figli.

Berlusconi era al potere, Renzi un più che normale Presidente di Provincia, Salvini aveva da poco smesso di lanciare le uova ai comizi avversari e Di Maio stava pensando all’esame di maturità.

Questo blog nato per l’insistenza del mio “fratello” giornalistico Saverio mi ha tenuto compagnia nella fase più difficile della mia vita.

Tra poco compie tredici anni, un’età ragguardevole nell’era mediatica del mordi e fuggi.

Questo blog ha raccontato momenti per me belli e dolorosi, gli sono molto affezionato e in qualche modo gli sono anche grato perché è stato ed è qualcosa di vero, senza alcun coinvolgimento commerciale,  una specie di diario pubblico.

Ho fatto questa lunga premessa perché proprio non arrivo a capire la deriva che a volte  leggo nei commenti tra voi: ma davvero vi scannate per Della Valle o Corvino fino ad offendervi e minacciarvi?

A me pare folle, certe espressioni non andrebbero mai usate, figuriamoci poi per qualcosa come il calcio che dovrebbe emozionare e divertire.

Il mio grado di tolleranza e il mio senso di democrazia hanno certamente permesso che alcune cose venissero pubblicate lo stesso e probabilmente ho sbagliato, ma voi che vi offendete, nella vostra “cameretta” siete proprio sicuri di avere la coscienza a posto?

Da quando seguo il calcio, cioè oltre 50 anni, ho sempre visto e saputo che il gesto tecnico più difficile di questo gioco è il gol.

Puoi muoverti bene, mostrarti abilissimo nel dribbling, essere generoso, ma se non la butti dentro il tuo valore è certamente inferiore.

Per questo non capisco il perché si voglia arretrare di una ventina di metri Veretout, il migliore dei centrocampisti a cercare e trovare la porta, vedi lo scorso campionato.

Uno che sta davanti alla difesa lo abbiamo comprato (speriamo di non rimpiangere troppo Badelj)  e comunque è più semplice da trovare o istruire rispetto a chi fa gol.

Credo di essere (purtroppo) abbastanza esperto per paragonare la Fiorentina ad un figlio di due divorziandi che viene utilizzato al solo scopo di avventarsi contro chi non si sopporta più e a cui si fa una guerra senza quartiere.

Ci rimette solo il figlio, ovvio.

A me pare che oggettivamente con l’arrivo di Piaca e Lafont la squadra sia più forte dell’anno scorso, pur conservando tutte le perplessità per l’offerta fatta a Badelj, stimato molto più da Pioli che da Corvino.

C’è un gruppo forte, coeso come pochi, che ha un anno in più di esperienza e ottime possibilità di far diventare realtà diverse eccitanti potenzialità, leggi alla voce Chiesa, Milenkovic e Simeone.

Intorno alla Fiorentina esiste purtroppo una grande “confusione sentimentale”, usando le parole di Rialti, che nel Pentasport ha fotografato benissimo la situazione emotiva.

A me piacerebbe che per il bene della “bambina viola” i genitori, e cioè i Della Valle e parte della tifoseria, seppellissero per almeno un anno l’ascia di guerra e i rancori personali basati sul “te avevi detto”, “tu mi hai offeso” eccetera eccetera.

Mi pare l’unico modo per farla crescere serena questa splendida ragazza che amiamo e smentire così l’obiettivo del settimo posto.

Per pensare al sesto o al quinto.


Per ora Brizzi non solo è innocente, ma l’unica che aveva la possibilità concreta di agire contro di lui è la stessa che dopo la presunta molestia gli ha scritto un simptico messaggino sms.

Io non sono Brizzi e non ho certo il potere di un regista o, nello specifico del mio lavoro, di un direttore di una grande testata, ma vi assicuro che anche l’esssre a capo di una struttura come  Radio Sportiva o a suo tempo  Canale Dieci può portare ad incontri femminili molto interessati dal punto di vista della controparte.

Basta essere intelligenti  e capire che, al di là del rispetto verso la tua compagna (che dovrebbe venire al primo posto) qualsiasi avventura galante in un simile contesto sarebbe come una prestazione a pagamento.

Detto questo, io sono sempre più convinto dell’assurdità della denuncia postuma di attrici e starlette, a cominciare dalla signora Asia Argento.

E’ qualcosa che danneggia tutte le donne generando isteriche crociate senza senso.

Diverso è il discorso di chi si trova una mano sul fondo schiena dal capo o si trova ogni giorno in mezzo a discorsi odiosi e asfissianti, ma lì purtroppo non si va sui giornali.

Al massimo ci si trascina con vergogna e fatica da un avvocato o in una caserma dei Carabinieri.

Vorrei capire come può il Milan passare dallo stato di società sottoposta a provvedimenti disciplinari più o meno corretti da parte dell’Uefa a squadra in grado di comprare Higuain  e poi pagargli l’ingaggio di 15 milioni lordi.

Viene quasi da rivalutare Vittorio Cecchi Gori, che a Sconcerti, in partenza per Barcellona per trattare l’indispensabile cessione di Toldo,  disse di trattare Rivaldo.

 

Oggi, 29 luglio 2018, i Della Valle hanno consegnato la proprietà della ACF Fiorentina al sindaco Nardella.

Disegnate il vostro possibile scenario futuro.

Avete un paio di giorni per consegnare il lavoro.

Chi rappresentano i 250 tifosi che hanno scritto a violanews in risposta al comunicato dei ragazzi del 1926?

I Della Valle hanno purtroppo diviso il popolo viola e questo l’aspetto più negativo della loro gestione, qualcosa che meriterebbe un’ampia riflessione che dovrebbe comprendere anche la frequenza davvero inusuale con cui loro cambiano i responsabili della comunicazione e del marketing (auguri a Bianchini e Ferrari, perché il loro compito sarà tutto meno che semplice).

Detto questo, quando ho letto della notizia della missiva a me sono venuti in mente i 40.000 che nel 1980 sfilarono in favore di Romiti e dei vertici Fiat contro la linea dura del sindacato che stava portando alla paralisi dell’azienda e quindi alla perdita del lavoro per tutti.

Per carità, qui la posta in gioco non è neanche paragonabile, me ne rendo perfettamente conto.

Eppure, respirando quotidianamente l’umore della città e godendo di una posizione privilegiata perché con me in tanti (bontà loro) parlano di Fiorentina, credo che in un ipotetico referendum pro o contro la proprietà la maggioranza sarebbe a favore dei Della Valle.

I motivi di questa eventuale vittoria sono talmente noti che viene a noia scriverli di nuovo.

Chi vuole che se ne vadano fa benissimo ad esprimere in termini civili il proprio pensiero, ma esiste una maggioranza silenziosa che non scrive sui social e non fa comunicati, gente molto tranquilla che magari borbotta sempre e che vorrebbe andare allo stadio per divertirsi senza troppi veleni e, possibilmente, veder vincere la Fiorentina.

Con o senza plusvalenze.

 

Siamo sempre lì, alle scommesse: da vincere, da perdere, chissà…

Nessuno può dire con esattezza se i due arrivati valgano più o meno di Pasalic e Piaca, certamente hanno meno appeal, mentre è sicuro che l’operazione Gerson l’hanno capita davvero in pochi e tra questi mi auguro che ci sia Pioli.

Continuo a pensare che Corvino faccia più o meno bene con quello che passa da Casette d’Ete e ho chiaro quanto sia difficile far quadrare i conti, però continua a sfuggirmi un aspetto che riguarda la comunicazione.

A me non pare che la Fiorentina abbia fatto peggio della Sampdoria di questa estate o del Torino della passata sezione di mercato, e non a caso parlo di due squadre che ci sono finite dietro in classifica e che hanno vinto lo scudetto (purtroppo) dopo di noi.

Eppure i Della Valle e la loro gestione riescono ancora una volta a conquistarsi l’oscar dell’impopolarità tra i tifosi, proprio non riescono a scrollarsi di dosso questa patina di antipatia che se fossi al loro posto mi porterebbe a farmi delle domande sul modo di affrontare il rapporto con Firenze e il popolo viola.

Il paradosso è che sono bravissimi nel comunicare in tutti i settori delle loro attività tranne che nel calcio, dove il farsi capire e trovare la sinergia con chi ti ascolta è fondamentale.

Noi siamo difficili, al limite del’impossibile, ma mi verrebbe da dire che loro non è che si impegnino più di tanto…

Pagina successiva »