Poi, ad un certo punto, ti accorgi che sono importanti le piccole cose di tutti i giorni, quelle che non hai mai considerato nel modo giusto, le perle preziose che potresti perdere da un momento all’altro: le ragazze che scherzano e si becchettano, Cosimo che elabora un concetto nuovo, un abbraccio.
La tanto disprezzata quotidianità, termine che a qualcuno evoca tristezza solo perché non la sa vivere nel giusto modo.
Maturità?
Forse.
O magari più semplicemente il riposo dopo viaggi difficili e tormentati, fatti di combattimenti in tutti i campi della vita, contro chi subdolamente ha cercato e cerca di ferirti.
E’ successo a tutti, penso.
E allora forse è bene fermarsi un attimo e riflettere sul perché si corra così tanto e provare a trovare la risposta dentro di noi.

E più di tutti Montella.
Lo dico col massimo rispetto e non scordando ciò che è avvenuto negli ultimi due anni, ma non si può giocare un primo tempo così e non si può togliere Babacar per dare ancora una chance a Ilicic.
Dopo quel cambio, secondo me insensato, ci siamo appiattiti, dopo venti minuti iniziali del secondo tempo che lasciavano sperare bagliori e azioni da gol.
Sconfitta meritata, anche se con un po’ di fortuna potevamo pareggiarla con Aquilani, ma eravamo senza anima e anche senza idee.
Un po’ poco per sperare di battere una buona squadra come la Lazio, che ha fatto il minimo indispensabile per portare via i tre punti: quarantacinque minuti di possesso palla neanche troppo asfissiante e poi mille mezzucci per rallentare l’eventuale rincorsa viola.
Ma ci hanno dato otto minuti di recupero e non ci possiamo lamentare e neanche possiamo pretendere che fischino fallo a nostro favore ogni volta che Cuadrado cade a terra: lo fa troppe volte e perde troppe palloni, chissà a chi si riferiva ADV parlando di gente che pensa più al contratto che alla partita…

Stavolta Montella conta più che in altre partite.
Non sarà infatti facile scegliere chi far giocare domani contro la Lazio.
Cuadrado e Bernardeschi in attacco sono le due incertezze più grandi: come sta fiicamente il colombiano?
E’ il caso di sfruttare il momento magico del ragazzino?
Altro quesito classico: Pasqual od Alonso?
Chi domani azzeccherà la formazione sui giornali o sui siti internet sarà veramente bravo.

Leggo su Stadio dell’intervista con Aquilani e della sua voglia di rimanere a Firenze.
Premesso che temporalmente viene prima il rinnovo di Neto, credo che con un duplice sacrificio sia possibile legare alla maglia viola uno dei migliori centrocampisti italiani.
Uno che può indossare senza troppi imbarazzi quella maglia numero 10 che in un passato purtroppo molto vicino è stata quasi sfregiata da calciatori palesemente non all’altezza.
A me Aquilani è sempre piaciuto in campo e anche nelle rare occasioni in cui è capitato di incontrarci, ma questo conta poco.
E’ importante invece valutare con attenzione quello che lui ha dato in questi suoi primi anni fiorentini ed il bilancio mi sembra largamente in attivo.

Un bonus di produzione da 7100 euro lordi, assolutamente meritato: “Ho meritato il premio. Voi siete degli sciacalli senza dignità”: è questo lo sfogo di Monica Bocchiardo, responsabile della Protezione Civile del Comune di Genova alla trasmissione “Mattino 5”, sotto accusa insieme agli altri dirigenti comunali che hanno percepito bonus. ”
Ma poi il premio non lo valuto io ma chi me lo dà, quindi dovete chiederlo a loro”.
Poi non trattiene la rabbia e sbotta: “Siete degli sciacalli, mi fate schifo! Io ho una dignità, ma voi ce l’avete?”, chiede ai giornalisti.

Io sì, ce l’ho: posso esprimere qualche ragionevole dubbio sulla signora?

Voterei ancora Matteo Renzi perché mi pare l’unica possibilità per uscire dall’immobilismo della politica.
Perché sta cercando davvero di cambiare l’Italia, anche se ha esagerato nella creazioni di aspettative che per ragioni oggettive non potevano essere poi rispettate.
Credo che ci sia un vizio di fondo nel come in Italia si guardi alla politica e cioè che la si consideri come se fosse un continuo campionato di calcio, in cui esiste il tifo a favore e ancora di più il tifo contro.
Sto con Renzi e contro Grillo (per esempio), come se si giocasse Fiorentina-Juventus, mentre invece la politica è ben altro, è la sintesi dei rispettivi interessi e dei rispettivi ideali, la sommatoria delle esigenze di chi deve essere governato.
Anche per questo sono profondamente disinteressato alla querelle tra Diego Della Valle e Matteo Renzi che invece pare tanto turbare il popolo viola, come se assistesse ad un doloros bisticcio in famiglia che imbarazza.
Non conosco l’eventuale programma politico del patron della Fiorentina, ma personalmente lascio sempre aperto il cervello: se ci saranno cose interessanti, dirò la mia da cittadino.
Per ora seguo con preoccupazione gli sforzi di Renzi, sottolineandone anche gli errori di percorso, alcuni dei quali erano evitabili, se solo ci fosse stato meno voglia di stupire e di dare spazio soprattutto a determinati ministri (io ancora non ho capito perché a recuperare in Congo i bambini da adottare sia andata la Boschi, che cura i rapporti con il Parlamento).
Per ora lo rivoterei e credo che pensino come me la maggioranza delle italiane e degli italiani che ancora si sforzano di entrare nel seggio.

Capisco che interessi più vincere qualcosa, anche una nuova Coppa Italia, però dopo quello che abbiamo passato nel 2002 la notizia dovrebbe rallegrarci: siamo finanziariamente la società più solida in Italia.
Non la più ricca, ma quella che dà maggiori garanzie per il futuro.
Sarebbe bella questa licenza poetica in più in fase di mercato, e magari potremmo pure concedercela, però l’idea di essere i più affidabili a me non dispiace affatto.
E qui, come si diceva nei lontani anni settanta, si apre il dibattito: siete soddisfatti anche voi?

Sì, io sono stato uno di quelli che ha maggiormente sottolineato le prove negative di Borja Valero.
Pensavo e penso che fosse un mio preciso dovere farlo per una forma di onestà intellettuale verso chi ha la bontà di seguirmi: essendo uno dei più bravi, era ed è logico aspettarsi da lui molto.
Se quel molto diventa qualcosa che va al di sotto della sufficienza, è giusto sottolinearlo.
E Borja da Parma,cioè Gervasoni, in poi non è più lui.
Adesso però è arrivato il momento di fargli sentire tutto il nostro affetto, di fargli capire che siamo tutti dalla sua parte, così come lui è stato dalla nostra quado si è trattato di rinnovare e ha davvero fatto una scelta di vita.
Firenze è la sua casa, cerchiamo di farglielo capire.

Ne avevo già intravisto le potenzialità per non diventare un secondo Lippi o un secondo Mazzarri, fate voi.
Era successo al Franchi con la storia delle parrucche e poi quando aveva mimato la direzione d’orchestra sugli insulti cantati, anche se dopo, a partita persa, era scivolato nel vittimismo.
Ora poi che è diventato allenatore della Nazionale pare essere molto sopra le parti, non facendo sconti a nessuno.
Sto parlando ovviamente di Antonio Conte, che ha pubblicamente cazziato il suo ex pupillo Bonucci per il post da ultrà contro la Roma, che non convoca Balotelli per manifesta incapacità tecnica, che alla fine avrà con Firenze, sede della Nazionale, un rapporto migliore di quello che aveva Prandelli.
Perché si è posto nel modo giusto quando è andato a trovare Montella, perché ha spesso la parola giusta per i viola, che si tratti di tirare su il morale a Rossi o parlare di Aquilani.
Per ora sta transitando dalla casella neutralità, ma chissà come andrà a finire se continua così.

Un momento straordinario, tra i tanti di ieri sera, che ho avuto la grande fortuna di vivere da comprimario, ma da vicino, grazie alla Hall of Fame viola.
Non me l’aspettavo e non se l’aspettava nessuno la commozione di Bati, è arrivata all’improvviso, come se avesse deciso che fosse arrivato il momento tra la sua gente, perché Firenze è la sua città, di lasciarsi andare, di essere se stesso a 23 anni di distanza dal suo arrivo “quando io ed Irina non avevamo niente”.
Con lui ho avuto un rapporto straordinario per cinque anni e pessimo per quattro, non è un segreto per nessuno e un po’ pensavo di conoscerlo, ma mi sbagliavo.
E’ stata una serata semplicemente perfetta, con punte inarrivabili, tra Bati e Albertazzi, Merlo e Mazzoni, Antognoni e i ragazzi del primo scudetto.
Una serata da portarsi dentro a lungo.

Pagina successiva »