gennaio 2012


P.S. Chiedere una fidejussione ad una società come la Fiorentina, il massimo della serietà a livello mondiale con un rating da tripla A non so se sia più assurdo o più offensivo.
Posso avere qualche perplessità sul fatto che sia andata proprio così?
P.P.S Bravi a Loreto, Sardelli, Pestuggia e Bigiotti che nhanno dubitato dalle 18.30 e on hanno ceduto ai tantissimi sms che arrivavano in redazione arrabbiati perché non credevamo che fosse tutto fatto come continuavano a dire Sky, Mediaset e a ruota qualche sito.
Radio Blu era tra l’altro ancora una volta l’unica emittente ad avere un inviato a Milano e a qualcosa è servito.

La trattativa Dainelli esiste davvero, anche se al momento è difficile pensare che Dario possa tornare a Firenze.
A quanto ne so la Fiorentina sta cercando di proporre uno scambio con Felipe, che sarebbe poi come dire che due anni fa è stato commesso un grande e costosissimo errore, peraltro certificato da Prandelli che si è liberato di Dainelli senza troppi problemi (anzi) e ha fortemente voluto Felipe.
Confesso di non avere sull’argomento le idee chiarissime.
Da un lato le ragioni del cuore mi farebbero dire di sì subito, pensando anche a ciò che Dainelli è stato per lo spogliatoio viola.
Dall’altro i cavalli di ritorno non hanno mai funzionato benissimo e in quel ruolo la Fiorentina già sacrifica Camporese, mentre di Kroldrup si sono perse le tracce.
Comunque vada a finire l’avventura di Dainelli a Genova è chiusa da quando se ne è andato Malesani, con l’aggiunta di uno scontro piuttosto duro con la tifoseria, e lui certamente tornerebbe più che volentieri in quella che è sempre stata la sua squadra del cuore.

Oggi si è visto giocare bene al calcio, non proprio un fatto consueto negli ultimi anni e chi ha sfidato il freddo credo che sia andato via soddisfatto.
Stefano aveva quasi azzeccato il pronostico con il suo due a zero, il ragazzo si intende di calcio…
Detto di Amauri che mi trasmette tranquillità (incredibile: abbiamo un attaccante e lo dico anche pensando all’ultimo Gilardino) vorrei riflettere sul fuori campo, su chi è rimasto fuori dallo stadio e dalla prima fila della tribuna autorità.
Se non vogliamo fare il gioco del nemico, cioè andare male, bisogna compiere tutti un bel passo indietro, dai dirigenti all’ala dura del tifo.
Basta con le posizioni precostituite che impediscono il dialogo e fomentano le incomprensioni e i contrasti sterili.
Io ho sempre fatto così in questi 33 anni di attività per il bene della Fiorentina e mi piacerebbe essere seguito da altri.
Per me, ad esempio, Batistuta era incommentabile fuori dal campo, ma lo considero il migliore giocatore che abbia mai visto a Firenze e quando giocava l’ho esaltato com’era giusto che fosse.
Prendiamo poi il mio giudizio su Corvino: sono dell’idea che il suo ciclo sia ormai finito e che da due anni sbagli tanto, troppo (vedi soprattutto la scelta di Mihajlovic e la mancanza di attaccanti).
Tutto questo però non mi impedisce di dirgli bravo se fa delle cose giuste, tipo l’ingaggio semestrale di Amauri o mette a segno dei buoni colpi.
Quello che voglio dire è che la nostra voglia di dire “ho ragione” non dovrebbe mai travalicare l’interesse generale che è la Fiorentina.
Un po’ di permalosità in meno, un po’ di autocritica in più da parte di tutti e si potrebbe provare a ripartire.

Siamo ancora una volta nelle mani di Corvino, che ha portato a casa due attaccanti: Amauri e El Hamdaoui, come ogni logica suggeriva da almeno un mese.
Rimanendo il fatto che sono arrivati quattro partite dopo il necessario, il concetto è semplice, perfino banale: se ci ha preso, siamo a posto e facciamo un campionato dignitoso.
Se l’ha tirata di fuori, siamo messi parecchio male.
Le statistiche dicono che dal 2005 al 2009 è stato il migliore, mentre dall’estate 2009 ad oggi è da insufficienza piena.
Poi, certo, conta anche la gestione del gruppo e si spera che finalmente Rossi riannodi quel filo che si era sfilacciato con la sciagurata gestione Mihajlovic, mentre è auspicabile un miglioramento dei rapporti tra direttore sportivo e spogliatoi.
Il calcio comunque non è così complicato, per vincere bisogna metterla dentro e per metterla dentro ci vogliono gli attaccanti.
In settimana ne abbiamo presi due, cioè il minimo indispensabile, che sono un po’ la risposta a chi pensava alla Fiorentina come un fortino da saccheggiare in piena smobilitazione.
E, detto tra noi, ha fatto benissimo Corvino a fare un contratto di pochi mesi ad Amauri, non ci impegna e serve da incentivo al giocatore.

La frase mi è venuta di getto, spontanea, un po’ come quella del gol al novantesimo alla Juve che è il sogno di tutti i tifosi viola.
Eppure, anche a freddo, è la fotografia più vera di un pomeriggio speciale, indimenticabile.
Perché quando si esce da casa Borgonovo, dopo aver passato quattro ore con lui, si è molto più ricchi di quando si è entrati.
E’ stato incredibile, mi sembrava di essere da subito completamente a mio agio: battute con Stefano e Aurelio (ancora grazie!), sistemazione del computer così, facciamo le foto, sistemiamo l’altparlante in quel modo, sintonizza Radio Sportiva, cominciamo con le riprese televisive (lo speciale va in onda dopo le 20 su Rtv38), collegameni continui con Blu per l’organizzazione degli ospiti.
In pratica ero diventato con Chantal il gestore dei 16 metri quadrati dove vive Stefano, attaccato alle macchine eppure molto più vivo di tanta gente che cammina, parla, si incazza per niente, diventa meschina per interesse.
E poi i suoi occhi, gli unici arti che muove.
Sono occhi che parlano, esprimono i sentimenti che prova ancora prima che il sintetizzatore realizzi il pensiero.
Ha tutte le vostre mail e non si arrende, davvero un esempio e la retotica, credetemi, non c’entra niente.

Che emozione ogni volta che mi arriva una mial di Stefano.
Il ragazzo si sta impegnando…
Mi ha mandato un po’ di risposte ed io penso al metodo incredibile e commovente a cui deve ricorrere per compilare una parola, una frase, un concetto.
Tra qualche ora parto per casa Borgonovo e non ho affatto le idee precise su come avverrà la trasmissione, proprio io che rompo le scatole a tutti per la precisione, la puntualità, i particolari.
Ma stavolta, chi se ne frega, si va lì, si ride, si scehrza e (noi) ci godiamo un pomeriggio indimenticabile.

Se uno così, che ha avuto il grande colpo di chiappa di fare la spalla per anni a Bonolis e che mi ha sempre procurato grande tristezza a vederlo conciato nei modi più diversi, ha (almeno) 5 milioni di euro da parte, ci deve essere qualcosa che non torna nel mondo televisivo e dei media.
Forse dovrei ricominciare da capo… (oh, sto scherzando)

Da corriere.it
Equitalia contro Laurenti: pignorati sei appartamenti da cinque milioni di euro
MILANO- Sei appartamenti in zona corso Buenos Aires, a Milano, per un valore totale di cinque milioni di euro, presto potrebbero non essere più di Luca Laurenti, spalla comica in televisione di Paolo Bonolis. Il pignoramento lo ha disposto l’Agenzia delle entrate Equitalia contesta al comico il mancato pagamento di imposte Irap per due milioni di euro sulla sua proprietà milanese di corso Buenos Aires tra gli anni 2000 e 2005. Lo riferisce Repubblica nelle pagine di cronaca milanese. Equitalia ha quindi pignorato i suoi sei appartamenti milanesi, che hanno un valore complessivo di 5 milioni di euro.

IL CONTENZIOSO – Si tratta di tasse dichiarate e non versate per un contenzioso avviato con la moglie, Raffaella Ferrari, nel 2007. In primo grado i legali di Luca Laurenti hanno sostenuto che l’imposta regionale per le attività produttive prevista per i liberi professionisti non riguarda quella del comico perché non dispone di un’organizzazione professionale come quelle che, per esempio, reggono studi di avvocati e commercialisti. La tesi è stata soccombente in primo grado e ora ci sarà la decisione d’appello. Se la sentenza dovesse diventare definitiva gli appartamenti potrebbero essere messi all’asta.

Da un lato si chiede di stare tutti uniti, dall’altro si parla di sciacalli.
Ecco a voi una nuova genia del popolo viola, declinato ovviamente sul versante dei media.
Trattasi probabilmente dei pronipoti di coloro che la mattina si svegliavano e si alzavano pensando a come fare del male alla Fiorentina.
Ma dove vive questa gente che prospera sulle disgrazie altrui?
Dove si nascondono i bastardi?
Chi sono?
Perché odiano così tanto la Fiorentina ed il suo direttore sportivo?
Pantaleo, dammi un bastone che vengo con te a cercarli e a cacciarli dal tempio.

P.S. Avevo detto che non avrei commentato più le uscite mediatiche sulla terza difesa d’Italia, sullo straordinario girone di ritorno, sui 4 scudetti vinti e sul fantastico ciclo ed infatti su questi argomenti taccio.
Qui è però in ballo una questione di interesse nazionale, il pericolo è altissimo; stiamo infatti per essere invasi dagli sciacalli e la chiamata alle armi suona per tutti gli uomini e le donne di buon senso.

Per soli sei mesi rientro anch’io nella categoria degli sfigati.
Mi sono infatti laureato a 28 anni e mezzo, arrivando al traguardo nel marzo 1989, veramente senza fiato e con la voglia di chiudere alla svelta con lo studio.
A mia parziale (o totale, fate voi) discolpa posso dire al vice-ministro Martone che non ho mai frequentato per un solo giorno l’università di scienze politiche, avendo dato tutti i miei esami prendendo solo i libri di testo e mettendomi a studiare nel tempo libero che mi lasciava il lavoro.
Riuscirò ad essere assolto?
Nel dubbio, devo dire che l’uscita dell’enfant-prodige Martone (figlio di giudice e professore ordinario ad appena 29 anni) non è però affatta campata in aria se solo avesse fatto delle precisazioni.
Per esempio proprio sul fatto che se uno/a studia e basta è logico in un Paese normale che si debba pretendere un completamento del ciclo di studi al massimo a 25/26 anni.
Quando andavo a dare gli esami in via Laura c’era un numero sempre numeroso di fancazzisti, all’epoca detti quelli della panca, che molto si divertivano, molto copulavano e pochissimo facevano.
Pretendere di più da chi ha la fortuna di avere genitori che ti campano per almeno un quarto di secolo mi sembra il minimo che si possa chiedere a queste nuove generazioni sempre più deboli caratterialmente.

Ok, ha la soglia del dolore molto bassa, e allora?
Va bene, Batistuta e anche Rui Costa a Cagliari avrebbero giocato, ma loro hanno mai avuto un infortunio come il suo?
Ragazzi, andiamoci piano con le polemiche su Stevan Jovetic.
Premesso che tutti sono utili e nessuno è indispensabile, sarà bene ricordare che qualcuno è più utile degli altri e che la Fiorentina senza Jovetic rischia seriamente la retrocessione.
Jovetic è quasi campione molto gentile, che al contrario di molti suoi compagni ha ben chiaro cosa voglia dire giocare nella Fiorentina, forse perché ne ha conosciute altre più belle e più forti dentro e fuori lo spogliatoio.
Purtroppo i disastri degli ultimi due anni hanno portato a questa situazione: il quasi campione Stevan Jovetic ci fa quasi un favore a rimanere nella Fiorentina, a non piantare grane, a non chiedere più soldi.
Cerchiamo quindi di darci una regolata, perché se comincciamo a discutere pure lui possiamo davvero fare festa.

P.S. Scusate ragazzi, ma la domenica sera, dopo la partita, uno potrà fare quello che gli pare oppure no?
Questo vale per Jovetic, ma anche per quelli scarsi, a meno che non si instauri uno stato di polizia calcistica, ma non mi pare proprio il caso.

Pagina successiva »