dicembre 2007


Quando mi chiedono come vorresti il 2008, rispondo che mi basterebbe e avanzerebbe ripetere il 2007, un anno per me fondamentale e non solo per la nascita di Cosimo.
Lo definirei un anno di “selezione naturale”, che ha aumentato a dismisura la mia idea che nel mondo si possa contare su poche persone.
Quelle che ti vogliono bene davvero, senza secondi fini, di fatturato o di convenienza professionale.
Ricordo una notte di fine marzo in cui mi interrogavo senza neanche troppa angoscia su quante persone avessero rotto con me od io con loro rispetto ad appena un anno prima e mi ponevo il quesito se per caso non fosse colpa mia.
La risposta che alla fine mi sono dato è che non è poi così importante la quantità, ma la qualità del rapporto e che era giusto così, tanto da rivedere con più oggettività certi passaggi di alcune relazioni.
E così, alla fine di quest’anno, posso tranquillamente mandare al diavolo coloro che hanno tradito la mia fiducia e/o anche coloro che hanno provato a farmi del male con ricatti e abbandoni.
Semmai è un peccato che non mi sia accorto in tempo di come certi rapporti fossero marci dentro e tenuti in piedi solo per convenienza, magari reciproca.
Professionalmente è stato un anno decisivo con tutti gli sviluppi che il lavoro ha avuto a Radio Blu.
Il cambio di passo è servito a farmi perdere le ultime paure su quello che fino a dodici mesi fa stentavo a riconoscere seriamente come una professione.
Siamo davvero una gran squadra e in Italia non esistono (a parte Radio Radio a Roma) realtà che svolgano la nostra mole di attività: adesso non dobbiamo fermarci ed il 2008 sarà all’insegna (spero) della conferma della leadership in campo sportivo.
Provo a pensare a voce alta a cosa avrei cambiato, a cosa ho sbagliato e mi vengono in mente la presa di posizione su Vieri e forse un po’ poca grinta nel rispondere agli ingiustificati attacchi a freddo (perciò inaspettati) di Corvino in una trasmissione di Golden Gol.
Se mi guardo indietro, negli anni passati, trovo errori più grandi e quindi direi che mi è andata bene.
E’ stato anche l’anno della grande vicinanza col dolore, non mio, ma di persone a me care.
Ed è forse proprio per questo che alcune meschinerie di gente di quarta categoria mi sono passate addosso come acqua fresca.
Buon 2008 a tutti voi.

L’ultima volta che avevo pensato ad una cosa del genere non avevo ancora iniziato l’avventura nel blog e quindi ora vi beccate questo post molto minimalista, molto personale.
Il concetto è questo: voi (soprattutto i signori maschi) che non avete figli volete davvero verificare se siete in grado di fare i genitori?
Ebbene, invitate un figlio/a di amici dall’età variabile dai 6 ai 12 anni ad una settimana bianca (meglio ancora se non sa sciare) immedesimatevi nel ruolo di babbo/mamma e provate a reggere a tutte le situazioni del caso.
Se alla fine della settimana avrete ancora voglia di paternità/maternità, allora sarà giusto provarci.
In caso contrario tentate con una dose minore, non so tre giorni e verificate.
Come forse avrete capito ho passato tre giorni all’Abetone da solo con le due ragazzine di casa Guetta (ecco perché non ho risposto a nessuno e ovviamente mi scuso), anzi per l’esattezza due giorni con Valentina e ben tre con Camilla, otto anni, per la prima volta lontano dalla mamma.
La somma fa cinque, quindi quasi una settimana bianca, per giunta senza il supporto della mia socia.
L’inizio è stato tragico per colpa mia: abituato a programmare tutto sul lavoro mi sono un po’ rilassato e così la prima pista era una “rossa” non calcolata che ha avuto esiti davastanti sulla più piccola, che non toccava uno sci da due inverni.
Insomma, ho fatto come la Fiorentina nella passata stagione, sono partito da meno 19.
Poi comunque ho recuperato o almeno credo di averlo fatto perché il punto è proprio quello: il mestiere di babbo non si impara ma lo si esercita giorno per giorno, sperando sempre di sbagliare il meno possibile.
Camilla mi ha detto che dai suoi genitori si aspetterebbe sempre che abbiano le soluzioni giuste per i suoi problemi, ho provato a spiegarle che le soluzioni sono giuste secondo noi, ma non è detto che funzionino.
Ha annuito, però non sembrava troppo convinta.

A volte sono stupito dalla mia ingenuità, soprattutto professionale.
Partendo da sotto zero sono arrivato ad avere una certa visibilità nel circo mediatico toscano, ma nonostante questo concedo agli altri sempre il beneficio della buonafede.
Ovvio che rimanga spesso fregato, specialmente da coloro di cui mi sono fidato di più, però non riesco proprio a cambiare e a volte penso che se proprio un giorno lo dovessi fare, beh quel giorno sarebbe meglio far festa.
Prendiamo la storia secondo cui Mutu comincerebbe a far casino con i tifosi per prepararsi la strada ad un suo possibile addio a giugno.
Ebbene, non ci credo e non voglio crederci perché l’uomo mi sembra in grado di sopportare la verità senza ricorrere a questi mezzucci.
Secondo me ha sbagliato a rafforzare la polemica in sala stampa, quando invece era meglio sorvolare diplomaticamente sul ditino (e comunque mi piacerebbe parlarci con chi lo ha fischiato per capire che razza di tifosi siano), ma questo è un altro discorso.
Eppure il venticello della cessione di Mutu sta cominciando a soffiare a Firenze e naturalmente c’è chi si diverte a farlo diventare sempre più forte fino a trasformare il tutto in una vera e propria bufera.
Se poi mi sarò sbagliato e Mutu andrà via, datemi pure di bischero, anzi di “povero bischero”.

Tre nomi per questo 2007 che se ne sta andando: Cesare, Leonardo e Sandra.
Ci sto pensando in queste ore di grande gioia interiore, dopo aver visto le Winx con Camilla e vivendo in una dimesione che davvero mi appaga completamente.
Cesare aveva la mia età, era un vecchio ultra, ha combattuto per dieci mesi e poi si è come dolcemente piegato alla morte: meglio così di come era arrivato a vivere, ma provate a spiegarlo alla mamma e alla sorella che non hanno mai smesso di lottare e che ora provano a ripartire.
Leonardo, lo sapete, ha poco più di trent’anni, qui a casa mia hanno smesso di dire che è il mio cocco, ma immagino che lo facciano solo per pudore perché sono quasi certo che continuino a pensarlo.
Ha sofferto come poche altre persone, avendo comunque la fortuna di scoprire l’amore di tanta gente che in una sera di ottobre si è come materializzata dal nulla per dirgli “ti vogliamo bene”.
A gennaio non lo sentirete per un mese, ma intanto siamo quasi alla fine del tunnel ed io lo rivoglio al più presto a tempo pieno.
Sandra è all’inizio del percorso di Leonardo, è una donna forte e se dice di stare male vuol dire che siamo ben oltre il limite di quello che noi maschi siamo capaci di sopportare.
Ce la farà anche lei, solo che questo 2007 è un anno da buttare, da ricordare con terrore.
Tre nomi, tre storie per dirvi “tanti auguri” e per promettervi che cercherò di essere più presente nelle risposte, o almeno ci proverò.
Grazie per la pazienza con cui mi seguite.

Dove sono finiti i pessimisti cosmici?
E quelli per cui il bicchiere non solo non era mezzo pieno, ma addirittura vuoto?
D’accordo, il Cagliari finirà quasi certamente in B, ma intanto la Fiorentina queste partite non le sbaglia mai.
E’ la grande forza di Prandelli, la concentrazione.
Sul ditino di Mutu ho sentimenti contrastanti: chi ascolta le partite sa quanto abbia stigmatizzato il comportamento dei tifosi della tribuna che fischiano al primo errore Liverani e a volte pure Montolivo.
Perché se la siano presa con uno dei due nostri fuoriclasse è un mistero (e i fischi c’erano davvero, ve lo assicuro), però forse Mutu dopo la gara poteva essere un po’ più diplomatico.
Capisco la reazione di pancia appena segnato, ma in sala stampa occorrevano dichiarazioni più concilianti, in fondo il suo messaggio è rivolto a chi spende dagli ottanta ai cento euro a partita per vederlo giocare.
Alla grande Santana e strepitoso Martino, vero collante di questa squadra che archivia un 2007 da lustrarsi gli occhi.

Scusate se non ho risposto ai vostri post, ma ho passato un paio di giorni impegnativi per sistemare organizzativamente le cose in radio per il 2008 (ci sarà un cambio in redazione).
Ho appena ascoltato Prandelli e davvero mi pare che sia una vigilia simile a tante altre vincenti, con Cesare che chiede alla squadra un grande sforzo di concentrazione e di solito in questi casi ha le risposte che si aspetta.
Ogni altro risultato che non sia la vittoria sarebbe un mezzo disastro, soprattutto in considerazione della lunga sosta che affronteremmo con molto amaro in bocca.
Sarebbe bello arrivare ai tre punti attraverso il gioco, ma non chiediamo troppo ad una squadra convalescente.
Basta vincere, non importa come.

Una vittoria che fa bene a tutti, alla faccia di chi vorrebbe uscire dalla Coppa Uefa.
Non è stato facile, in giro c’è aria di festa, la stanchezza si avverte dappertutto, ma questa squadra si sta ritrovando perché è fatta di gente seria.
Mediaticamente Pazzini esce a pezzi, e qualcosa ha certamente sbagliato in fase di conlusione, però su di lui c’erano due rigori e semmai c’è da interrogarci su quando mai decollerà la sua intesa con Mutu.
Nella serata del CIT avevo parlato con Vieri, chiedendogli quando mi avrebbe fatto perdere la scommessa: beh, gli ho portato bene e davvero sembra un altro, anche rispetto a quando è arrivato a luglio a Firenze.
Vinciamo contro il Cagliari e poi riposiamoci, ne abbiamo tutti bisogno.

Gran serata al CIT, la Fiorentina sul palco: si ride e si scherza con la squadra in ottima forma, almeno sul piano dello spirito.
Tra l’altro è la prima volta che rivedo Prandelli dalla scomparsa di Manuela e sono pure un po’ imbarazzato perché io in certe circostanze e di fronte a dolori così grandi mi sento sempre inadeguato.
Per questo motivo, pur volendogli davvero bene, non sono stato tra quelli capaci di telefonargli personalmente perché non avrei saputo cosa dirgli di non banale, ma capisco che magari questo poteva sembrare ai suoi occhi una forma di maleducazione.
Ci pensa Cesare a rassicurarmi con un abbraccio e poi, appunto, parte una gran serata, condotta magistralmente da Pupo che scherza con Mutu, Vieri, Lupatelli, Dainelli, Pazzini.
Poi chiede a Corvino di come si trovi in questo momento non facile e Pantaleo gli risponde che per lui “il bicchiere è sempre mezzo pieno e non è come per David che lo vede sempre mezzo vuoto…”.
Momento di imbarazzo generale, ma la prendo sul ridere e dico qualcosa tipo “ormai per Pantaleo sono un’indispensabile valvola di sfogo: se non ci fossi mi dovrebbe inventare”.
Poi a freddo mi sono fatto due domande:
1) ma Corvino le cose che scrivo e/o dico le legge e/o le sente, oppure continua ad agire su frasi riportate e stravolte da qualche solerte collaboratore?
2) Non è che dalla storia di Vieri di questa estate a Pantaleo gli è presa una fissazione e mi ha eletto a rappresentante della categoria considerandomi pure l’estensore dell’ormai famoso “Da Toni a Osvaldo”?
Mah…
Comunque tra poco è Natale, prendo queste cose per quello che valgono (cioè molto poco) e incrocio le dita per stasera.

Non esiste mondo con più basso tasso etico del calcio.
Parlo ovviamente generalizzando, perché poi esistono anche apprezzabili eccezioni (e qui sinceramente mi viene in mente Firenze), ma il ragionamento è fin troppo semplice: fai scorrere un fiume inarrestabile di soldi in mezzo a chi ha una preparazione culturale mediamente appena sopra la scuola dell’obbligo e vedrai brillare in cielo una sola stella: il dio denaro.
Per quello si fa ogni cosa, anche perdere del tutto la decenza genitoriale e ritrovarsi ad insultare arbitri ed avversari nella partite dei giovanissimi, perché in fondo si spera che Matteo, Francesco o Daniele diventino un domani i nuovi Mutu o Kaka.
Ci metto dentro pure la nostra categoria, perché i giornalisti sportivi laureati bisogna cercarli con il lanternino (qualcuno ha pure il problema dell’acca nel verbo avere e non parliamo per carità del congiuntivo) e perché “per diventare famosi in televisione” non occorre conoscere almeno qualche rudimento di quella cosa strana chiamata sintassi, ma è meglio e preferibile portare degli sponsor in modo da ritrovarsi a condurre qualche programma sportivo, che poi sono gli unici o quasi che la gente guarda sui canali locali.
Per tutto questo non mi sono affatto stupito nel leggere delle nuove intercettazioni riguardanti Luciano Moggi, che ha dimostrato di essere il più forte nella selezione darwiniana della giungla calcistica: addirittura stoico il suo uso del telefonino e l’impegno per tessere i rapporti con tutti quelli che contano o dovrebbero contare.
Non è mica colpa di Lucianone nostro, ma dell’interlocutore, sia che faccia o che riceva la telefonata e comunque è vero che non c’è nulla di penalmente perseguibile a chiedere o accettare un consiglio.
Stupisce, certo, che lo faccia anche un presunto saggio come Mazzone, che ormai dovrebbe essere abbastanza grande per saper sbagliare da solo, ma questo è un altro discorso.
L’unica cosa strana, semmai, è che in un mondo appunto senza etica come quello del calcio gli avvoltoi che 18 mesi fa volteggiavano sulla testa della GEA e di Moggi non siano riusciti a spolpare la carcassa.
Si vede che il moribondo non era poi così moribondo…

TORNO ADESSO DALLA SERATA AL CIT, DOMANI RISPONDO A TUTTI: PROMESSO

Finalmente un uomo che riscatta i disastri sentimentali di gran parte di noi maschietti: Nicolas Sarkozy, Presidente della Francia.
Mi sono infatti convinto della superiorità femminile quando ho cominciato a ragionare con un certo distacco sulle mie inadeguatezze adolescenziali verso l’altro sesso e sulle difficoltà di dialogo (noi ragazzi degli anni settanta pensavamo e puntavamo solo ad una cosa…) con le incomprensibili ragazze della mia generazione (oggi splendide donne, che trovo più affascinanti di tante fanciulle giovani).
Eravamo, e forse molti di noi sono ancora, incapaci di gestire le emozioni e di conseguenza molto spesso non riuscivano e non riusciamo a reggere la rottura di un rapporto, con tutto il dolore che questo comporta.
Da qui i comportamente insani, che a volte possono sfociare nella persecuzione verso l’altra e peggio ancora nei delitti.
Non vale chiaramente per tutti, ma il senso antico del “possesso” è difficile da rimuovere in noi maschi.
Per questo non posso che fare il tifo per Sarkozy, che pare essersi ripreso meglio, e più in fretta di Gamberini post Lazio, dall’addio dell’intrigante moglie Cécile.
Prima una giornalista francese assolutamente strepitosa, adesso, a stretto giro di posta, la passeggiata a Eurodisney con Carla Bruni, che ho conosciuto in una puntata di “Quelli che il calcio…” e di cui si potrebbe dire “ho visto di peggio…”.
A me viene in mente il Sassaroli di “Amici miei”, quando l’architetto Melandri gli porta via di casa la bella moglie, le due insopportabili figlie ed il cane Birillo, tutti caricati a forza nella sua macchina.
“E tu non hai detto e non hai fatto niente?”, gli domenderà più tardi, mi pare, il Mascetti.
“Come no? – gli risponde il Sassaroli – anch’io ho sofferto come un cane: per tre quarti d’ora !”

Pagina successiva »